Fumo e catarro persistente nel neonato


 

Buona sera dottoressa,

mia figlia di 3 mesi da quando è nata ha già dovuto prendere per 4 volte l’antibiotico, una volta perché le è venuta la bronchiolite e le altre tre per colpa del catarro che non se ne va.

Le spiego, nonostante i miei sforzi, durante la gravidanza ed ora in fase di allattamento, non riesco a smettere di fumare (mai più di dieci sigarette al giorno e fuori casa) e la mia paura è che questo continuo catarro sia dovuto al fumo che probabilmente le trasmetto io tramite il latte.

La mia domanda è: è possibile che sia questa o solo questa la causa del sua malessere, perché nonostante l’antibiotico, i lavaggi nasali e l’aspirazione del muco questo catarro non se ne va.

La prego, ho bisogno di avere chiarezza su questo perché fino ad ora ho avuto risposte contrastanti.

La ringrazio in anticipo.

L’unica perentoria chiarezza che posso darti è quella di smettere immediatamente di fumare, sia in presenza della bimba, sia in assoluto, soprattutto se vuoi continuare ad allattare e se ci tieni all’allattamento.

Se vuoi veramente bene alla tua bimba lo devi dimostrare a lei e a te stessa in questo modo. L’amore di una mamma è capace di superare prove ben più grandi di questa, che pur sembra insormontabile, ma la realtà deve essere guardata in faccia: il fumo passivo è responsabile di una importante e costante irritazione delle vie respiratorie dei neonati e dei bambini e della notevole riduzione delle loro difese immunitarie le cui conseguenze si sono già abbondantemente evidenziate nella bimba.

Non ci sono altre frasi da dire né altre considerazioni da fare.

Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Lascia un commento