Fontanella posteriore e possibile danno?


Buona sera, 
sono una mamma di una bambina di 9 giorni.
Stamani, mentre le mettevo il body, con un dito ho premuto dietro la nuca. Credo di aver toccato la fontanella posteriore perché ho sentito affondare come se lo avessi messo nel burro.
Volevo sapere se ho provocato dei danni cerebrali a mia figlia, premetto che a vedersi non ci sono segni e volevo sapere se mi sto preoccupando per nulla e quando devo preoccuparmi davvero.
Grazie
Erika

Cara Erika,
potresti avere toccato la fontanella posteriore, anche se spesso è già ossificata alla nascita, ma se hai partorito per via naturale la bimba potrebbe avere un piccolo cefaloematoma mascherato dai capelli, se ha molti capelli.
In entrambi i casi non c’è nulla di cui preoccuparsi perché la massa cerebrale, in corrispondenza delle fontanelle, anche se non è protetta dall’osso, ha ben tre strati di tessuto molto resistente che la riparano da ogni trauma (pensa solo a quali pressioni deve resistere il cranio del feto durante il parto!) e, anche si trattasse di cefaloematoma, non sarebbe altro che una raccolta di sangue esterna alle ossa del cranio e quindi a toccarla non si farebbe nessun danno.
Un’altra possibilità è che la bimba abbia le ossa del cranio ancora piuttosto flessibili, (viene chiamato il cranio a pallina di ping pong) che si infossano alla minima pressione.
In tutti questi casi non c’è assolutamente nulla di cui preoccuparsi.
Mi chiedi quando ti devi preoccupare davvero? Qualsiasi anomalia della calotta cranica della bimba sarebbe senz’altro già stata notata e valutata dal o dai pediatri che hanno avuto modo di visitare la piccola, quindi ti consiglio proprio di non preoccuparti. 
Un caro saluto,
Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone