Feci dal colore disomogeneo


 

Buongiorno Dottoressa,

le scrivo perché non ci sto capendo più nulla. Il mio Manuel ha 3 mesi e due settimane è nato di 4,030 kg 13 giorni dopo la scadenza del parto con cesareo. Il pupo sin dal primo mese ha sempre sofferto di forti coliche con pianti di 2/3 ore serali diventando un peperone. Lo allatto io anche se da circa una settimana nel pomeriggio gli do una poppata di artificiale perché avendo avuto un paio di giorni la pupù verdastra la mia pediatra sostiene che magari il mio latte verso sera è di meno e quindi necessita di un po’ di latte artificiale e le devo dire che sarà un caso o forse no ma non ha più fatto la pupù verde e comunque gli sto dando sempre questa poppata di latte artificiale.

Il problema è che Manuel a quasi ogni poppata diurna e serale ma non notturna, si inarca la schiena mugugna sgambetta e sembra avere forti dolori al pancino anche perché quando io gli metto la mano sento un sacco di rumori sembra una caverna parlante e spesso ma non sempre poi capita che fa aria…detto questo alla mia pediatra mi ha subito dato il Ranidil che sta assumendo da circa 20 giorni perché pensa si tratti di reflusso ma sinceramente io non vedo miglioramenti anzi a me sembra che rigurgiti acido molto più di prima a volte gli escono dei pezzettini di acido denso cosa che prima non succedeva..si ha sempre rigurgitato però non tutti i giorni erano uguali a volte di più, a volte meno e a volte niente..

Ha dei sintomi che potrebbero dirsi reflusso, tipo salivazione abbondante, muove la bocca come se stesse masticando, inoltre negli ultimi due giorni piange la sera per almeno una mezz’ora in modo inconsolabile tant’è che quando smette comincia a fare aria. A me sembra che siano ancora coliche ma non ne ho la certezza, la notte quando dorme si sveglia ogni 2 ore a volte ogni 1 ora e mezza a volte ma sembra che il sonno sia disturbato da qualcosa infatti lo vedo sgambettare io gli metto il ciuccio e la maggior parte delle volte si riaddormenta oppure lo attacco al seno.

Di solito lo attacco al seno ogni 2 o 3 ore. Un altro fattore importante è la sua pupù da qualche settimana la fa color senape a volte senape con un po’ di verdastro e la cosa strana è che è gelatinosa e sembra ci sia del muco trasparente inoltre è maleodorante, cosa può essere?

Mi scuso se mi sono parecchio dilungata le mie domande insomma sono queste:

secondo lei di cosa si tratta? se fossero coliche forse dovrei curarlo con fermenti lattici perché ha il pancino delicato e la sua pupù non è più bella gialla oro come prima? Non ce la faccio più ha sempre mal di pancia secondo me e poi questo Ranidil farei meglio a non darglielo più potrebbe fargli male a lungo andare?

Attendo con ansia una sua risposta, la ringrazio anticipatamente Distinti Saluti

Bessy

Il ranidil non da effetti collaterali particolari se il sospetto di reflusso, come credo sia il tuo caso, è alto e va, quindi, continuato, magari anche in associazione con altri farmaci, ma non è obbligatorio.

Per quanto riguarda le coliche: visto l’aspetto delle feci non sempre normale e la presenza di muco, o il muco proviene dalle alte vie respiratorie ed è deglutito ritrovandosi, poi, nell’intestino, oppure si forma nell’intestino e allora bisogna capire cosa provoca questo stato di irritazione continua della mucosa intestinale che si manifesta con muco e feci di colore disomogeneo. In tal caso si potrebbe pensare ad una intolleranza alle proteine vaccine, anche quella piccola quantità di allergeni che possono passare nel tuo latte se bevi troppo latte e latticini o formaggi di mucca. Quindi prova ad eliminarli dalla tua alimentazione assieme ad altri alimenti poco digeribili dal bambino come brodo di carne o di gallina, legumi e altri alimenti rischiosi incluse le uova e troppi agrumi e controlla l’aspetto delle feci.

Se migliorasse potresti anche sostituire il latte che dai in aggiunta al tuo con un latte ipoallergenico. Altrimenti, se la tua alimentazione modificata non risolvesse il problema, bisognerebbe verificare la presenza di batteri patogeni nelle feci del bimbo o di candida e curarlo di conseguenza. Anche i fermenti lattici possono aiutare a mantenere o ripristinare l’equilibrio batterico intestinale. La soluzione al problema non può che avvenire per gradi.

Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone