Febbre ricorrente e muco verde


 

Buon giorno dottoressa,

ho un bimbo di 20 mesi che frequenta l’asilo nido. Ha avuto una febbre molto alta 39.5-40 per circa un mese e mezzo a intervalli, stava bene due giorni poi via nuovamente la febbre alta per altri quattro e cosi via per un mese e mezzo, alla fine e stato ricoverato ed hanno scoperto una infezione a orecchio e laringotonsillite. Ha fatto 14 giorni di alti dosaggi di antibiotico. Prima di prendere l’antibiotico le ves erano a 114! L’ ultima volta fatti durante le terapia erano scesi a 45 ma poi non hanno fatto altri prelievi di controllo… adesso ha smesso l’antibiotico da 5 giorni, ma oggi è nuovamente pieno di muco verde, la pediatra non sa bene che dirmi, sta aspettando per vedere se adesso è un raffreddore ma stasera il bambino ha 38.5 di febbre. Non penso soffra di ipertrofia tonsillare perché non mi è mai stato detto.

I valori delle analisi al momento del ricovero il 01/01/2010

emocromo hb 9 mcv 72 gr 3970000 piastrine 422000

gb16130 forma leucocitaria n 51, m 75, e 1.5

azotemia 12 mg dl creatinina 0.3 mg dl glicemia 70mg dl

protidenemia totale 7.1

immunoglobuline iga 140 igg 1090 ign 135

calcemia 10,4 cloremia 102 sodiemia 138 sideremia 13 transferrina 215

bilirubinemia totale 0,4 diretta 0,1 indiretta 0,3

trnsaminasi alt 27 ast 14

ves 1 h 114, pcr 29,1 tas l55

procalcitonina =< 0,5

esame urine ph 7 ps1017

poi nelle analisi del 11/01/2010 le ves sono scesi a 45 e l’ emocromo salito a 11.

Le altre analisi non era pronto ancora l esito.

Secondo lei è l’infezione che sta tornando?

Come devo comportarmi?

 

Grazie mille

Alessia

 

Bisogna capire cosa sostiene e tende a fare recidivare questi episodi febbrili. Penso che un otorino potrebbe individuare l’eventuale presenza di una rinosinusite batterica: egli potrebbe fare una rinoscopia ed eventualmente una radiografia dei seni nasali e paranasali, si dovrebbe eseguire un tampone nasale, magari prelevando il muco anche con aspirazione delle secrezioni delle fosse nasali, per individuare i batteri eventualmente presenti in questo muco verde e studiare l’antibiotico più idoneo qualora si fosse sviluppato un germe resistente all’antibiotico precedentemente somministrato.

Di solito si sceglie inizialmente l’amoxicillina, associata o meno all’acido clavulanico, ma se non dovesse funzionare bisognerebbe passare all’azitromicina oppure ad una cefalosporina. Il resto della terapia – aereosol, antinfiammatori, ecc. – dovrebbe essere stabilito a diagnosi certa della malattia.

Ovviamente anche l’orecchio dovrebbe essere ben controllato e se si evidenziasse una otite media essudativa sub acuta o cronica, anche su questa bisognerebbe porre attenzione valutando, tra l’altro, anche la presenza di malocclusioni dentali che potrebbero influire sul corretto delfusso del muco che si forma tra naso e orecchio.

Dalle informazioni che mi dai penso, quindi, che il problema del bimbo dovrebbe essere inquadrato dal punto di vista otorinolaringoiatrico.

Un caro saluto, Daniela

 

 

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone