Febbre ricorrente a 12 mesi


Buona sera dottoressa,

non è la prima volta che Le scrivo e visto che mi è sempre stata di conforto e aiuto la disturberò ancora. Mio figlio ha un anno e da ottobre va al nido o dovrebbe andarci. Non ha mai fatto più di una settimana di presenza perché poi immancabilmente gli è venuta febbre, bronchite e quant’altro. Di media ha fatto 5 giorni al nido e 10/15 ( a volte anche un mese ) a casa. È rientrato al nido da 3 giorni e oggi ha un’altra volta la febbre!

Ma è normale o devo cominciare a preoccuparmi e a fargli fare qualche esame di controllo secondo lei? Potrebbe dipendere che so da qualche infezione, che so intestinale e glielo chiedo perché mio figlio fa spesso molta aria dal sederino! Lui mangia i suoi papponi di passato di verdura con carne, o formaggio e quant’altro e qualche volta pastina al sugo. In più, se mangia pezzetti di verdura o di frutta (anche se ha solo 2 denti) li rivedo pari pari nella cacchina! So che la frutta e la verdura non vengono proprio digerite dal nostro organismo, ma sembrano nemmeno passati da stomaco e intestino! E poi, ogni volta che ha la febbre soffre molto anche di pancia, fa sempre aria da sederino e bocca e si lamenta; anche se non gli sto dando antibiotico! Lei cosa ne pensa? La ringrazio in anticipo per la sua gentilezza.

Un caro saluto

Silvia

Il tuo bimbo è stato inserito in comunità in un momento molto delicato dal punto di vista del suo sistema immunitario: esaurite le difese derivanti dagli anticorpi trasmessi attraverso la placenta (attorno al terzo mese), esaurite le difese trasmesse con l’allattamento al seno (penso che tu non lo allatti più), non ha ancora avuto modo di produrre dei suoi specifici anticorpi, sia per una questione di età, sia perché questi sono i suoi primi contatti con un ambiente promiscuo sicuramente saturo di germi e virus come tutti i nidi e tutte le scuole specialmente d’inverno quando i bambini restano lunghe ore in reparti chiusi e affollati e non all’aria aperta.

Non c’è altro da fare che prendersela con filosofia e andare avanti: l’anno prossimo andrà sicuramente meglio anche se per tirare un sospiro di sollievo bisognerà aspettare il terzo o quarto anno di vita. Per quanto riguarda i problemi intestinali del piccolo: perché invece dei soliti "papponi" come li chiami tu non prepari al bimbo solo delle pappe o delle pappine? Cioè perché non riduci un po’ le verdure? Fai mente locale anche sulla quantità complessiva di alimento: non mangerà un po’ troppo? Ci sono delle verdure che tollera meno bene? Stai dando troppi formaggi? Troppo latte e suoi derivati? Il bimbo mangia troppo in fretta? Regola eventualmente la sua alimentazione e somministra per alcune settimane fermenti lattici.

Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Lascia un commento