Febbre asintomatica


 

Gentile dottoressa,

il mio bimbo di 30 mesi da ieri ha la febbre a 38 o 38,5. Sto dando un paio di tachipirine al giorno e con queste sembra cessare. Non ha altri sintomi quali tosse o raffreddore. Gioca tranquillamente e a parte ieri sera, ha anche appetito. Ma allora da che dipende? E quanto può durare questa situazione?

Grazie per la sua risposta.

Quando un bimbo piccolo, diciamo sotto i tre anni come il tuo, viene in contatto, molto probabilmente per la prima volta nella sua vita, con un virus qualsiasi che, magari, ad un bambino più grande o ad un adulto non darebbe sintomi o al massimo un lieve raffreddore, può sviluppare febbre, con o senza altri sintomi associati a secondo del virus o della carica virale, cioè della quantità dei virus stessi, della loro virulenza e anche della capacità del bambino di sviluppare sintomi collaterali (bambini iper reattivi e bambini meno reattivi).

Questo fenomeno si può ripetere ogni primo contatto con un agente patogeno nuovo fintanto che la sua memoria immunitaria specifica non diventa abbastanza fornita di anticorpi da combattere l’infezione sin dal suo nascere, prima che si manifestino i primi segni di infiammazione.

Altre volte, una semplice febbre senza apparenti sintomi collaterali associati può essere l’unica manifestazione di una malattia infettiva in incubazione che poi si svilupperà con tutte le sue caratteristiche dopo alcuni giorni, quando si crede che il bimbo sia già guarito.

Pertanto una semplice febbre inizialmente non andrebbe proprio trattata e l’antipiretico andrebbe somministrato solo in caso di sintomi fastidiosi legati alla febbre alta e non per principio ad ogni rialzo febbrile, anche se di una certa importanza.

Dopo tre giorni o anche quattro se la febbre continuasse a non essere accompagnata da altri sintomi, l’unica cosa da fare in caso di persistenza della febbre è quella di fare visitare il bambino in quanto la febbre è solo un sintomo e non una malattia e può essere uno dei sintomi di moltissime malattie. Quindi, dire che un bimbo ha febbre è come non dire proprio nulla senza visitarlo. La durata della febbre, ovviamente, dipende dalla malattia che la sostiene e dalla reattività del bambino.

Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone