Estevill

 

Salve dottoressa,

mi chiamo Elena e le volevo chiedere cosa ne pensa e se lei è a favore del metodo "fai la nanna" di Estivill.

Io ho una bimba di 5 mesi e dopo tante coliche gassose in cui la tenevo in braccio per consolarla si è abituata ad addormentarsi in braccio e ora che devo rientrare al lavoro non so come fare.

Lei cosa mi consiglia.

La ringrazio fin d’ora.

Elena

Io non sono né a favore né contraria al metodo Estivill: quando funziona sono a favore e quando fallisce – e può fallire per mille motivi – sono contraria ad insistere. Credo che la prima persona a dover essere convinta intimamente dell’opportunità di seguire questo metodo sia proprio la mamma, perché se così non fosse le sarebbe impossibile sopportare gli inevitabili pianti e le proteste del piccolo dei primi giorni.

Credo comunque che fino al sesto mese almeno, i bimbi debbano essere assecondati nei loro bisogni senza pensare a metodi educativi e dal sesto mese si può anche tentare di modificare alcune abitudini che sarebbe difficile continuare a mantenere senza disagi o forzature da parte della mamma che, per istinto o per motivi indipendenti dalla sua volontà, vuole o deve un po allentare il legame e il contatto strettissimo col proprio bambino.

Sono, quindi, per un metodo Estivill modulato sulle esigenze del singolo bambino e, in un certo senso, sul carattere e il buon cuore e le esigenze della mamma: una sorta di Estivill fai da te che, però, un solo punto fermo deve necessariamente avere: la coerenza.

Quando deciderai di abituare la bimba ad addormentarsi da sola, infatti, dovrai esserne convinta fino in fondo perché se dopo i primi tentativi seguiti da pianti cederai alla tentazione di riprendere la piccola in braccio o di farla dormire nel lettone o se, peggio ancora, una sera sarai severa e determinata e la sera successiva farai il contrario, la bimba sarà disorientata e soprattutto imparerà a capire che il suo pianto sarà la sua arma vincente e diventerà la tua piccola tiranna. Scegli, quindi, il metodo e i tempi che vuoi per abituare la bimba ad addormentarsi da sola, fallo con modalità suggerite dai libri o dal tuo cuore, ma dal momento che deciderai di cominciare non tornare indietro. Questo è l’unico suggerimento che mi sento di darti. Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone