Ernia ombelicale


Gentilissima dottoressa, 
mia figlia di quasi 5 anni presenta dalla nascita un’ernia ombelicale.
Il pediatra inizialmente mi disse che sarebbe probabilmente rientrata intorno ai 2-3 anni con lo sviluppo di una maggiore muscolatura. 
Mi consigliò solo di evitare che la bimba da neonata piangesse troppo e in maniera intensa e successivamente mi chiese ad ogni controllo se la bimba fosse stitica, cosa che fortunatamente non è.

Ad oggi però l’ernia non è assolutamente dimunuita.

In che casi e verso quali età è eventualmente necessario valutare diversamente la situazione?

Ringrazio fin d’ora per la risposta.




Le ernie ombelicali non tendono a strozzarsi e, di solito, entro i primi mesi di vita o al massimo i primi anni, tendono a regredire da sole. Pertanto è rarissimo dovere intervenire d’urgenza chirurgicamente. Di solito, però, tra i tre e i quattro anni, sono quasi tutte scomparse. Pertanto, vista la sua persistenza, solo un chirurgo pediatra potrà valutare il da farsi. La mia opinione – prendila per quella che è visto che non conosco la bimba – sarebbe di attendere, in linea di massima, fin verso i sette anni o giù di lì, sempre che nel frattempo non tenda ad ingrossarsi o, peggio, ad avere sempre maggiore difficoltà a rientrare quando spinta verso l’addome con la pressione del dito. Se, però, dalla nascita ad oggi e nei mesi futuri la noti e la noterai in lenta ma graduale riduzione, il mio consiglio è di aspettare comunque. Quindi: operare se tende ad ingrossarsi, aspettare se tende a diminuire, farla visitare da un chirurgo pediatra se non si modifica affinché decida lui il da farsi e i tempi.

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone