Ematoma esterno dopo una caduta


 

Gentilissima dottoressa,

domenica scorsa mia figlia è caduta dalle spalle del nonno all’ indietro battendo fortemente la testa. Siamo stati in pronto soccorso in osservazione per 12 ore, pur non avendo alcun sintomo per fortuna, se non un piccolo rigonfiamento molliccio sulla testa dove probabilmente ha picchiato.

Ora è passata quasi una settimana e lei sta bene ed è la solita bambina di sempre, però il rigonfiamento, pur essendosi ridotto, c’è ancora. È normale? Quanto tempo ci vorrà?

La raccolta ematica di cui parli ha bisogno di tempo prima di organizzarsi e riassorbirsi. Il tempo dipende dal suo volume, dalla sua grandezza. Però ti accorgerai che piano piano diventerà un po’ più piccola e più dura fino a rimanere, forse, una nocciola dura come una ghiandola linfatica o anche più.

Da quel momento in poi il suo riassorbimento diventerà un po’ più lento, ma alla fine tutto sparirà. Meglio un ematoma esterno che interno!

Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone