Eczema persistente e possibile allergia


Buongiorno,
sono Tamara, mamma di Ayleen di 8 mesi.
Avrei bisogno di un consiglio: da quando mia figlia aveva circa 3 mesi o poco meno, ha un eczema sotto il collo, all’incirca sul torace. È di circa 5 cm.
Il pediatra mi ha dato una crema e una soluzione con cui farle il bagno.
Ho comprato le medicine in Austria perché viviamo qui.
Le medicine sono: come crema la Parfenac e come soluzione Pelsana.
Sinceramente l’eczema non le è mai passato e il pediatra insisteva con queste due cose. Ora la bambina ha 8 mesi compiuti, e fa fatica a dormire perché continua a grattarsi! (ho provato a metterle un cerotto, ma è durato ben poco).
Ora ha uno sfogo cutaneo su tutto il corpo, poverina, un pò è colpa mia perché le ho dato le fragole e tanti altri frutti lo scorso mese… Non sapevo cos’era e l’ho portata all’ospedale.
Lì, senza neanche un esame, tranne quello visivo, mi hanno detto che era neurodermatite dovuta alle fragole. E fin lì ci credo… ma mi hanno detto anche che forse poteva essere il latte!
Io l’ho allattata solo per settimane perché poi ho perso il latte per via di una febbre alta durata due settimane, dopodiché le ho dato il latte in polvere.
Adesso, da un paio di giorni, beve il normale latte di mucca e quello non sembra darle nessun fastidio, solo però l’eczema non scompare mai. E lei si gratta fino a farsi uscire sangue, e poi ovviamente piange.
Quindi, tra i dentini e l’eczema, questa povera bambina dorme davvero male e poco.
Cosa posso fare per quell’eczema?  Io ho solo 21 anni ed è difficile per me.
La prego, mi consigli su quali visite o cosa di specifico posso fare.
Ha anche la pelle molto secca su tutto il corpo anche se usiamo una crema super idratante comprata in farmacia.
Grazie mille per la sua pazienza,
Tamara

Cara Tamara,
tra fragole, frutti vari e latte vaccino introdotto, a mio parere, un po’ precocemente, dato l’eczema atopico in fase di riacutizzazione della bimba, hai combinato qualche pasticcetto.
Vediamo di andare per ordine: intanto è bene eliminare presto il forte prurito perché, non solo è molto fastidioso, ma grattandosi la bimba può infettarsi e sovrapporre infezione batterica a lesioni eczematose e sarebbe ancora più complicato curarla.
Per alleviare il prurito si prescrivono solitamente delle gocce di antistaminico da prendere per bocca però, ovviamente, dovrà essere il tuo medico a consigliartele, io, via internet, non me lo posso permettere e per di più non conosco i nomi dei farmaci austriaci; contemporaneamente, è bene prestare la massima cura ai prodotti che usi per l’igiene della bimba e alle creme che applichi sull’eczema: creme emollienti, detergenti specifici per il bagno e per la pulizia locale che devono essere sempre molto idratanti.
In Austria vi sono altri nomi, non posso quindi suggerirtene nessuno, ma in parte li conoscerai senz’altro.
Se quelli che hai usato finora non hanno portato a risultati soddisfacenti, ti consiglio una consulenza dermatologica: a volte il dermatologo prescrive prodotti particolari, con nomi poco conosciuti anche dai pediatri, ma sempre molto specifici e molto validi.
Durante la fase acuta, con forte prurito, due applicazioni al giorno di una crema a base di cortisone, come il Parfenac, dopo la pulizia locale, possono essere decisamente utili, però non è bene usare il cortisone come abitudine: il dermatologo stesso potrà suggerirti un prodotto sostitutivo al cortisone con effetto simile.
Dopo l’antistaminico per bocca e i trattamenti locali si può iniziare a riflettere sulla opportunità di sostituire il latte vaccino con un latte ipoallergenico, nel senso che, se la terapia locale specifica non bastasse a ridurre in modo accettabile l’eczema, sarebbe opportuno provare una dieta da eliminazione togliendo un solo alimento per volta: per esempio, si può provare ad eliminare il latte vaccino e tutti i suoi derivati (formaggi, yogurth ecc.), che sono gli alimenti più a rischio di dare allergia e vedere se finalmente il problema si risolve.
Se dopo una settimana di dieta priva di latte vaccino (si può sostituire con un latte ipoallergenico o con latte di soia) non vi sono miglioramenti dell’eczema, il latte può essere reintrodotto, purché bollito e con parziale eliminazione delle sue proteine eliminando la patina solida che si forma sul latte quando viene scaldato.
Si proverà allora ad eliminare un altro alimento tra quelli più facilmente allergizzanti contenuti nella dieta della bimba (uovo, per esempio, anche se penso che a 8 mesi non lo abbia ancora introdotto e pesce); il tuo pediatra saprà farti una lista di alimenti a rischio decrescente di allergia.
Comunque non è corretto fissarsi più di tanto con le diete ipoallergeniche perché l’atopia non coincide sempre e per forza con una allergia alimentare, è solo più probabile l’allergia alimentare (ma anche respiratoria) nei bambini atopici rispetto agli altri.
Questi tre punti (antistaminico, prodotti idonei come trattamenti locali, dieta da eliminazione), sono tutto quello che puoi fare per la tua bimba per alleviarle, se non risolverle, il problema.
Sappi, comunque, che la tendenza all’atopia se la porterà avanti per un bel po’ di tempo, con spontanee remissioni e riacutizzazioni anche quando nulla cambia nella sua dieta e nel modo di trattare la sua pelle, ma non te ne devi fare un cruccio: è stato dimostrato che l’atopia protegge genericamente dalle malattie, cioè, essendo l’espressione di un sistema immunitario particolarmente vivace ed attivo, è, in un certo senso, sinonimo di benessere.
Infatti, potrai tu stessa constatare che, appena prenderà il suo primo malanno (speriamo mai ma purtroppo è inevitabile che prima o poi succeda), la dermatite, come per incanto, sparirà, regalando alla bimba una pelle di pesca, salvo poi a ricomparire dopo la guarigione.
Vedrai che anche per la pelle secca e ruvida il dermatologo ti consiglierà per il meglio. Io ti potrei suggerire molti nomi di prodotti ma potresti non trovarli in Austria e, in secondo luogo, sarebbe una ingerenza eccessiva e una pubblicità non consentita via internet.
Su alcuni farmaci ultraconosciuti si può chiudere un occhio proprio perché diffusissimi ma su prodotti più specifici, come potrebbe essere il tuo caso, non si può.
Un caro saluto,
Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone