Dubbi sullo svezzamento: suddivisione pasti e quantità


 

Gentile dottoressa,

innanzitutto voglio ringraziarla per i consigli che mi ha dato circa due settimane fa: la mia bambina, non solo ha accettato di buon grado la farina lattea che mi aveva consigliato di darle come pranzo, ma dopo circa una settimana, ha iniziato a mangiare anche la pappa tradizionale con brodino vegetale.

I miei dubbi riguardano ora la suddivisione dei pasti e le loro quantità: al mattino Alice beve circa 160-180 ml di latte di proseguimento con un cucchiaino di biscotto granulato, a metà mattina della frutta grattata, a pranzo la sua pappa (che però ancora non finisce del tutto) seguita da frutta; al pomeriggio e a cena ancora il latte (160-180 ml).

Considerato che la bambina ha sei mesi e mezzo,  è alta 69 cm e pesa circa 8,3 kg, ritiene che questo schema alimentare sia appropriato?

La saluto e la ringrazio per i suoi preziosi consigli.

Dopo un mese, non solo dalla introduzione, ma dalla accettazione della prima pappa a mezzogiorno, si può tentare di introdurre la seconda a cena, ma l’epoca migliore è quella di sette mesi, quindi puoi fare con calma.

La preparerai come quella di mezzogiorno, sostituendo la carne con un po’ di formaggino ipolipidico oppure di ricotta, stessa quantità della carne, cioè 30-40 gr.

Se, invece, vuoi dare il parmigiano oppure la gruviera, comunque un formaggio normale e non ipolipidico, le quantità saranno inferiori, cioè 15-20 gr. Ma non è obbligatorio dare sempre formaggio ogni sera: puoi anche alternarlo con la carne o, un po’ più avanti, anche con il pesce.

A questo punto, i pasti di latte saranno due, uno la mattina e uno il pomeriggio, oppure, se entrambe non raggiungono 400-500 gr, un terzo biberon la sera, ma non obbligatoriamente.

Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone