Disturbi del sonno risolti con Periactin


Gentile Dott.ssa,

sono la mamma di una bimba di 2 anni e mezzo, che ha sempre avuto problemi di sonno. Il primo anno di vita non ha mai dormito. Fino alle 2 di notte non si addormentava mai e di giorno non ha mai fatto un sonnellino. L’anno scorso il pediatra mi ha dato Periactin sciroppo da darle ogni sera 3 ml prima di cena. Finalmente è da un anno che dorme sia di giorno che di notte, andando a letto ad un ora decente. Ho provato a non darglielo per qualche sera, perché speravo che ormai il problema fosse risolto, ma se non le do lo sciroppo alla sera si addormenta tardi e si sveglia molte volte durante la notte.

Volevo sapere da lei se posso continuare con questo sciroppo oppure se dandoglielo per così tanto tempo possa creare danno alla salute della bimba.

Grazie

Danni no, ma fra un po’ dovresti provare a scalarlo piano piano. Per esempio, se la sua dose fosse di 5 cc, dovresti provare a darne poco più di 4,5 per un mesetto, poi un pochino di meno, diciamo, 4, 3 e così via fino a toglierlo definitivamente, magari compensando la piccola quantità mancante con la stessa quantità di acqua in modo che il volume totale rimanga invariato (l’effetto placebo del farmaco non deve mai essere sottovalutato).

In questo modo potrai fermarti al dosaggio minimo utile per indurre correttamente il sonno che potrebbe anche essere inferiore a quello che stai dando attualmente. Attua, poi, tutti gli altri accorgimenti del caso come quello di fare muovere molto la bimba, di farla stare molte ore all’aria aperta e alla luce del sole, di non darle troppi cibi dolci la sera o bevande eccitanti come te, coca cola, cioccolata, regolare l’alimentazione in modo che non vi siano troppe proteine, valutare che non beva una quantità eccessiva di latte o che non sia intollerante al latte, controllare che non abbia una carenza di ferro anche senza manifestare dei veri e propri sintomi di anemia, che respiri bene di notte senza ostruzione nasale o crisi di apnea,ecc.

Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone