Disturbi del sonno e intolleranze


 

Salve,

volevo capire quali sono i sintomi di una intolleranza al lattosio a parte i risvegli notturni.

Infatti il mio bambino di sette mesi (con già due dentini da quasi due mesi), da quando ha iniziato con la pappa serale (circa quattro giorni) a base di brodo vegetale, passato di verdure, cucchiaino di olio, formaggio grana (un cucchiaio) e un po’ di ricotta, ha aumentato i risvegli notturni. Ci possono essere altri motivi?

Premetto che ha iniziato a stare seduto, si rotola ripetutamente e sta iniziando a strisciare per raggiungere degli oggetti.

Io non so ancora se attaccarlo al seno ogni volta e quindi al momento mio marito ed io un po’ lo culliamo e un po’ lo attacco al seno.

Inutile dire che tranquillizzarlo nel lettino e aspettare che si addormenti non funziona proprio in quanto si ottiene solo che si sveglia del tutto piangendo disperato.

Leggo che è un problema di molte mamm, ma vorrei capire come escludere problemi fisiologici.

Infine che ne pensa dei farmaci come il Kindaval?

Grazie mille

Per quanto riguarda la pappa della sera: un cucchiaio di grana, se intendi per cucchiaio quello grande da minestra, non avrebbe bisogno di altra aggiunta di ricotta o altro formaggio perché la dose di formaggio stagionato per questa età non dovrebbe superare i 25 gr, ma posso avere capito male.

Il lattosio è contenuto in minima quantità nei formaggi, un po’ più nei latticini ma è soprattutto contenuto nel latte e se tu allatti il bimbo ancora al seno e il piccolo non ha mai avuto problemi, non è certo il lattosio il problema visto che il latte materno è ricchissimo di lattosio e l’intolleranza al lattosio è molto rara nei lattanti proprio perché geneticamente programmati per essere alimentati con il latte della propria madre.

Ad ogni modo l’intolleranza al lattosio da dolori addominali crampiformi, coliche,  molta flatulenza, diarrea con feci acide e questi disturbi possono anche tradursi in agitazione notturna e senso continuo di tensione e nervosismo.

Questi ultimi sono anche sintomi che si riscontrano nella intolleranza alle proteine del latte vaccino, quindi potresti eliminare ricotta e parmigiano per un po’ e valutare eventuali miglioramenti.

Superato il sesto mese, però, i disturbi del sonno per un certo numero di mesi sono molto frequenti e non sempre dipendono da problemi alimentari.

Non utilizzo Kindival o simili, ma tentar non nuoce visto che si tratta di sostanze comunque innocue.

Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone