Difficoltà ad evacuare a 2 mesi


Sono mamma di una bimba di 2 mesi che da una settimana e mezzo non riesce più ad evacuare da sola anche se prova a sforzarsi. 
E pensare che prima la dovevo cambiare quasi ad ogni poppata!
Così sono costretta a stimolarla (anche 2 volte al giorno), altrimenti è fastidiosa e rifiuta il seno e il biberon. A quel punto riesce a fare molta cacca abbastanza fluida sempre sforzandosi.
La pediatra mi ha detto che non è stitichezza ma un fenomeno passeggero.
Io però sono molto preoccupata e mi chiedo a cosa sia dovuto e soprattutto temo si abitui ad essere stimolata tanto da non riuscire a fare la cacca da sola.
Grazie in anticipo.
Chiara

Cara Chiara,
ho dato molte risposte su questo argomento e a esse ti rimando.
Ma ora ti posso dire di non dare eccessiva importanza alle difficoltà che la bimba puo’ dimostrare nel momento che desidera evacuare: è normale che col trascorrere delle settimane l’intestino impari piano piano a digerire il latte e ad assimilare meglio il cibo che gli arriva.
Di conseguenza le evacuazioni si fanno sempre più diradate per stabilizzarsi ad una o due al giorno e le feci diventano più formate, meno liquide e più "ingombranti".
Quando sentono lo stimolo, poi, i lattanti si agitano e si contorcono e spesso esprimono i fisiologici premiti necessari per svuotare il retto come fastidi inconsolabili: sono sensazioni nuove per loro che, tra l’altro, devono ancora imparare bene la coordinazione tra la contrazione della parete dell’ampolla rettale quando è piena di feci e il rilassamento dello sfintere anale per emetterle all’esterno.
Un massaggio regolare al pancino e a tutto il corpo la potrà aiutare molto di più di stimolazioni varie e microclismi che impigriscono la piccola e a lungo andare la condizionano ad evacuare solo se stimolata dall’esterno. Se dovesse emettere feci troppo solide e secche, basta farla bere acqua tra le poppate, se accetta, oppure basta che tu mangi qualche mela o pera cotta e uno o due kiwi la mattina più bei minestroni di verdure digeribili (cioé senza cavolo o troppi legumi, ma con bieta, scarola e altre verdure verdi).
Le stimolazioni rettali dovrebbero essere limitate a due o tre, massimo, a settimana, se proprio indispensabili, perché i bambini possono anche evacuare ogni due giorni senza che questo crei loro particolari problemi.
Un caro saluto,
Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Lascia un commento