Differenza fra marche di latte artificiale e quantità necessaria



Buongiorno,
sono mamma di un bimbo di quasi tre mesi (nato il 26 ottobre scorso), volevo sapere se effettivamente esistono delle differenze significative tra le varie marche di latte in polvere o, come mi hanno detto in tanti, farmacista compreso, sono tutti uguali.

Inoltre ,come faccio a calcolare quanto latte devo dare a mio figlio? Mi è stato detto 130 g per sei pasti al giorno (lui pesa 5,2 kg), ma ne mangia a malapena 100 g e dopo due ore piange perché ha ancora fame. Come posso fare? Forse usare una tettarella con un foro più largo? Io sto usando ancora quelle da 0 a 3 mesi.

Grazie mille,

Francesca.



Le differenze tra un latte di marca più conosciuta rispetto ad un latte meno noto, sostanzialmente non esistono se non, forse, per la presenza, in alcuni latti più cari e di marca più nota, di probiotici e di omega 3 e omega 6, ma puoi scegliere un latte più economico e meno conosciuto, numero uno fino al quarto mese compiuto, poi numero due e aggiungere tu sia probiotici che omega 3 e 6.

Per quanto riguarda la quantità, calcola il 10% del peso del bimbo, cioè, attualmente, 520 visto che pesa 5,200 kg e aggiungi 250, massimo 300. La somma farà 770, 800 e questa sarà la quantità di latte che dovrà prendere il bimbo nelle 24 ore e verrà divisa in sei, sette o cinque pasti in base al desiderio del bimbo. Se vorrà soltanto 5 pasti, saranno di 160 g, se sei pasti, saranno di 130 g, se sette pasti, saranno di 110 g.
Ma queste sono le quantità massime e il piccolo potrebbe desiderarne anche un po’ meno e tu non dovrai insistere: l’importante è la crescita regolare e soddisfacente del bimbo e non la quantità di latte che riesce a bere.
Un caro saluto,

Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Lascia un commento