Dermatiti e prodotti emollienti


 

Buongiorno dottoressa,

pur essendo al secondo figlio, a volte ho dei dubbi enormi; spero possa aiutarmi anche senza visita.

Il mio bimbo di sei mesi, peso kg 8,5 altezza cm 68, allattato al seno a richiesta ha iniziato lo svezzamento la settimana scorsa  (frutta mela pera, pappa con brodo vegetale solo patata carota, crema di riso, mais tapioca, olio evo senza nient’altro) e da qualche giorno presenta varie bollicine sulle gambe, non visibili, ma si sentono al tatto.

Nella zona del pannolino poi ha delle bollicine tipo brufoletti con la punta bianca sull’inguine e sul sedere in prossimità dell’ano, mentre appare un po’ rosso alla base del pisellino.

Ho sentito la pediatra al telefono che mi ha detto che non c’entra con l’alimentazione e di provare con Canesten da alternare alla crema all’ossido di zinco e per le gambe basta solo un buon idratante, ma quale?

Io lo cambio spesso e lo pulisco con latte detergente e a volte con le salviette.

Vorrei anche provare a togliere del tutto il pannolino ma volevo aspettare che le temperature si alzassero un po’, lei cosa ne pensa?

Cambia qualcosa se le bollicine sono bianche o rosse? Anche se ho il dubbio che il bianco sia dovuto alla crema o latte detergente.

Grazie mille

Senza vedere il bimbo non posso proprio pronunciarmi sulla dermatite, però, da come descrivi le bollicine sulle gambe, penso si tratti di dermatite atopica, almeno sulle gambe. Pertanto dovresti utilizzare prodotti emollienti tipo Triderm latte detergente o creme della linea aveeno trixera o simili, che anche il farmacista potrà consigliarti.

Anche l’olio VEA potrebbe essere utile. Nella zona perigenitale coperta dal pannolino i brufoletti potrebbero riconoscere la stessa origine, ma senza poterli vedere non oso pronunciarmi.

Il bagno potrebbe essere fatto con latte di crusca di riso (Savel è una delle marche possibili).

Per quanto riguarda togliere il pannolino: mi sembra decisamente prematuro però dopo il bagnetto o in un altro momento della giornata dopo averlo cambiato, il bimbo potrebbe stare un’oretta senza pannolino a sederino scoperto in modo che la pelle non resti costantemente a contatto con il pannolino e la relativa, benché minima, umidità del sudore.

Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone