Dermatite atopica e ristrettezze alimentari


Gentile dottoressa,
a circa 4 mesi il pediatra ha diagnosticato al mio bambino la dermatite atopica perché aveva sulla fronte delle desquamazioni e si grattava.
Siccome lo allattavo artificialmente mi ha fatto cambiare il tipo di latte con un latte povero di proteine e mi ha prescritto una crema al cortisone (che non ho mai usato).
Cambiato il latte e utilizzando creme molto grasse al mio bambino è passato tutto.
Ogni tanto ha qualche pustolina che nel giro di un giorno va via.
Ora ho iniziato lo svezzamento ed il medico mi ha detto di non dargli parmigiano, pappe lattee, e di continuare col latte ipoallergenico.
Secondo lei ha senso continuare con le ristrettezze alimentari se non ci sono più stati episodi di sfoghi? Conti che io il parmigiano glielo sto dando lo stesso da 1 settimana e non succede nulla.
Grazie.

Non mi precisi che età ha attualmente il tuo bimbo, ma un bambino con dermatite atopica non è per forza anche allergico proprio alle proteine del latte vaccino: lo può essere così come può essere più facilmente allegico anche ad altri cibi e non solo al latte.
Se continuerai con il latte ipoallergenico finché il piccolo mangerà in modo talmente vario da assumere solo un pasto di latte la mattina ed eventualmente uno yogurt il pomeriggio, potrai gradatamente introdurre anche altri derivati del latte, cominciando dal parmigiano, inizialmente in piccolissime quantità per poi aumentare gradatamente fino alla dose normale per l’età se non compariranno altri sintomi di allergia.
Di solito io non prescrivo una alimentazione troppo rigorosa "per principio" ai bambini atopici, ma solo se constato che la dieta libera acuisce il problema oppure lo fa ricomparire, assieme, magari, ad altri sintomi extracutanei.
Il mio parere è quindi quello di usare sempre prodotti molto validi per la pulizia della pelle e quando la pelle diventa troppo ruvida o arrossata, di far seguire al bimbo una dieta molto ben bilanciata e varia solo parzialmente restrittiva, salvo ad aumentare le restrizioni se i problemi cutanei si acuiscono. Non usare mai creme al cortisone se non in caso di forte riacutizzazione della dermatite e per pochissimo tempo: vi sono attualmente prodotti altrettanto validi assolutamente privi di effetti collaterali come il riacutizzarsi della dermatite stessa dopo la sospensione della terapia topica con cortisone.
Un caro saluto,
Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone