Contrazioni muscolari al risveglio


 

Gentile dottoressa,

le scrivo per un episodio che è accaduto ieri pomeriggio alla mia bimba di 28 mesi dal risveglio pomeridiano. Quando l’ho alzata dal letto, ha avuto delle contrazioni muscolari involontarie (che la facevano muovere ritmicamente alle gambe e poco alle braccia). La cosa è durata pochissimo e prima d’ora non era mai accaduta però devo dire che mi ha spaventata parecchio.

Da che può essere dipeso?

Grazie, attendo con ansia una sua risposta.

È praticamente impossibile azzardare una ipotesi diagnostica senza conoscere nulla della bimba e senza poterla visitare. Però, a mio avviso, non si tratta di un episodio da trascurare.

A parte frequenti e praticamente fisiologici episodi di scatti muscolari che molti bambini e anche adulti possono avere agli arti in uno stato di dormiveglia – quasi esclusivamente al momento dell’addormentamento, però e non del risveglio – ai quali non bisogna dare importanza, esistono delle forme di epilessia parziale o mioclonica che si possono manifestare nei bambini anche al risveglio e che si presentano con le manifestazioni che mi hai descritto.

Penso, in questo caso, ad un episodio di epilessia mioclonica benigna del bambino, però, con le poche notizie che mi fornisci, non posso che consigliarti di rivolgerti al tuo pediatra innanzitutto e se lui (o lei ) lo riterrà opportuno, di procedere ad ulteriori accertamenti e approfondimenti neurologici.

Dovrei, infatti, sapere se il bimbo ha sofferto in passato di convulsioni febbrili o se in famiglia vi sono o vi sono stati casi di convulsione febbrile infantile. Ma dovrei sapere anche molto di più sul bimbo, sul suo stato di vigilanza e di coscienza al momento delle scosse cloniche agli arti, sulla storia delle sue malattie pregresse e così via. Senza tutto ciò, qualsiasi ipotesi possa fare rischia di cadere nel vuoto e di allarmarti più del necessario o peggio, inutilmente.

Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Lascia un commento