Colon irritabile


Buon giorno Dott. ssa,
ho visto che sta rispondendo alle “vecchie” discussioni. Ne approfitto per chiederle un altro parere. vorrei sapere cosa fare nel caso di sospetto colon irritabile. Dico sospetto perche’ credo sia difficile nei bambini avene la certezza. Di sicuro il mio piccolino da sempre soffre di aria nel pancino e si scarica 2 /3 volte al giorno. alterna momenti di feci dure a momenti di feci piu’ molli. Evacua sempre con molta molta aria (sembra proprio “sparare” le feci nel water, se rendo l’idea). Gli do fermenti a cicli alterni (in particolare yovis) e per fortuna non mangia cioccolato, ne merendine varie ecc .. Ha fatto il controllo della celiachia e del malassorbimento entrambi negativi. E’ un bimbo a “crescita lenta”, poco mangione ecc.. fara’ 6 anni a fine dicembre ed e’ 19 kg per 115 cm.
Quello che pero’ succede spesso e’ che abbia male alla pancia (probabilmente piccole coliche o solo aria .. non so). 
Come posso aiutarlo? La sindrome del colon irritabile come si diagnostica nei bambini? Vorrei evitargli lo stress di controlli medici non necessari .. 
Grazie e buona giornata
Barbara




Hai mai pensato di eliminare il latte e i suoi derivati per almeno una settimana? Oppure di provare un latte privo di lattosio dandolo solo di mattina, togliere i latticini e dare solo un po di parmigiano senza altri formaggi? Ugualmente dovresti evitare verdure come cavoli, broccoli, broccoletti, melanzane, peperoni, carciofi e anche fagiolini nonché i legumi. I fermenti lattici vanno bene ma dovrebbero essere dati non sotto forma di yogurt o simili ma in fialette o bustine. Ugualmente il bimbo non dovrebbe assumere troppo pane o comunque preparati a base di farina lievitata come pizza o ciambelloni, tutto quanto viene cucinato aggiungendo lievito. Pasta e riso vanno bene così come le carni magre di tacchino, agnello e anche manzo ma cucinate in modo molto semplice. Come verdure: zucchine zucca, carote, patate (con moderazione), bieta, scarola, cicoria (con moderazione), pomodori si ma possibilmente cotti e privi di pelle e anche la frutta dovrebbe essere assunta con moderazione. I dolci in generale, compresi i gelati, dovrebbero scomparire per un po preferendo, come merenda, fette biscottate con marmellata o miele sia di mattina che di pomeriggio. Il bimbo dovrebbe mangiare sempre alle stesse ore e mai fuori pasto, dovrebbe imparare a masticare bene, non dovrebbe assumere bevande dolci e gasate come coca cola, aranciata o simili e nemmeno succhi di frutta confezionati. La sua alimentazione deve variare ogni giorno con uno schema alimentare di due settimane. Potrebbe essere utile anche la ricerca di candida nelle feci che tende a svilupparsi nei soggetti che, per un motivo o per l’altro, presentano uno stato irritativo cronico della mucosa intestinale. Per il resto, il problema deve essere valutato nel tempo per capire bene che rapporto ci sia tra alimentazione, dolori addominali e sviluppo di gas intestinali.

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Lascia un commento