Colazione a 9 mesi e mezzo


Gent.ma dottoressa,

Giada ha nove mesi e mezzo, pesa 8,400 kg ed è lunga 72 cm.

Al mattino poppa al seno, a metà mattinata mangia mezzo vasetto di frutta ma solamente se non si sveglia tardi, a pranzo mangia 200 gr di brodo con due cucchiai di pastina, mezzo vasetto di omogeneizzato di carne  o pesce, due cucchiai di verdure passate, due cucchiaini di parmigiano e un cucchiaino d’olio. A cena lo stesso cercando di variare i gusti, magari al posto della pastina il semolino da cuocere. A merenda la restante frutta e 200 cc di acqua e 6-7 cucchiai di pappa lattea alternando con biscotti e con frutta.

Dopo cena se vuole un po’ di seno. È sufficiente? Tutto questo lo mangia quasi sempre senza problemi, ma a mio parere non cresce tanto quanto dovrebbe. Il mio problema è che tra poco tornerò a lavoro che mi costringe a fare turni dalle 5 del mattino perciò non potrò allattarla e lei non prende il biberon e al bicchiere o col cucchiaino ci metterei un’eternità.

Potrei darle dei sostituti?

Il mio pediatra mi ha rimproverato dicendomi che devo abituarla a tutti i costi al biberon perché dice che rischia da grande di non bere più latte e che cerchi il seno dovunque io mi trovi per placare i suoi capricci. Mi ha inoltre proibito yogurt o pappe lattee finché non si abitua al latte, e di provare anche il latte vaccino.

Cosa ne pensa?

Le preciso che anche se torno a lavorare avrei desiderio di continuare ad allattare, almeno la sera se non ci sono controindicazioni.

La ringrazio anticipatamente per il suo parere.

Se non ti è possibile allattare direttamente al seno la bimba prima di uscire per andare al lavoro, a mio parere non ti resta che tirare il latte durante la giornata o prima di uscire, metterlo in un biberon sterile e lasciarlo a chi dovrà alimentarla in tua assenza oppure sostituirlo con uno yogurt che la piccola, magari, avrà imparato a gradire come merenda.

A quasi 10 mesi di vita non vedo il motivo di evitare lo yogurt.

Se la bimba rifiutasse categoricamente il tuo latte o qualsiasi altro tipo di latte somministrato con il biberon non resterebbe altro da fare che optare per la tazza e il cucchiaio anche se questo sistema richiede molto tempo oppure per una farina lattea che, essendo più densa del latte può risultare più facile da somministrare. In questo caso bisognerà ridurre adeguatamente le farine delle due pappe principali per evitare un eccesso di cereali. Questa soluzione, qualora si dimostrasse valida, sarebbe comunque transitoria in attesa che la piccola si abitui gradualmente al latte di proseguimento o al tuo latte tirato in precedenza, bevuto dal biberon. È comunque più che normale che la bimba rifiuti il biberon quando dal seno continua a trovare latte a sufficienza per saziarsi.

Dal punto di vista della crestita, poi, a me sembra che tutto proceda per il meglio.

Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone