Bimbo con laringospasmi: è il caso di vaccinarlo contro l’influenza A?


 

Carissima Dottoressa,

sono la mamma di un bimbo di 2 anni e 8 mesi soggetto fin dalla nascita a spiacevoli e per me inquietanti laringospasmi (cortisone sempre pronto nel cassetto) con l’aggravante di bronchiti risolvibili esclusivamente con la somministrazione di antibiotici.

A partire da settembre sino al maggio sottopongo il piccolo a cura preventiva, per evitare anche broncospasmi, con il singulair. Ho parlato al mio pediatra di fiducia del fatto di vaccinare il piccolo contro questa allarmante influenza pandemica vista la sua predisposizione e iper reattività a trasformare nel giro di un giorno un banale raffreddore in laringite più bronchite, considerandolo a mio parere soggetto a rischio (a pari livello per me di un asmatico).

La risposta del mio medico è stata quella di sottoporre il piccolo solo al vaccino dell’influenza generica. Io però sono un po’ allarmata viste le continue brutte notizie mediatiche… La domanda che sono a rivolgerLe è questa: il quadro clinico di Francesco non è a tutti gli effetti riconducibile a soggetti a rischio?

Grazie mille per l’attenzione, Cinzia

Il tuo bimbo non è propriamente un soggetto asmatico quindi non rientrerebbe tra le categorie chiaramente a rischio di complicanze in caso di influenza A. Però, visto che il vaccino a tutt’oggi non c’è ancora e che il problema riguarda per ora la vaccinazione contro l’influenza stagionale, che non è ancora arrivata: sbrigati pure a vaccinare il bimbo contro l’influenza stagionale con un vaccino split senza adiuvanti e una seconda dose dopo un mese se non hai mai praticato l’antinfluenzale in precedenza e al momento dell’arrivo del vaccino antipandemico a disposizione anche dei bambini, che non sono in modo particolare una categoria a rischio se non in casi del tutto particolari e quindi non possono essere vaccinati con le scorte di vaccino arrivate da poco ma devono aspettare la prossima ondata di gennaio, deciderai, se vorrai, di vaccinarlo anche per la pandemica, sempre su base volontaria.

Io consiglio comunque entrambe le vaccinazioni a tutti i bambini e anche ai soggetti sotto i trent’anni.

Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone