Annebbiamento vista


 

Gentilissima dottoressa Daniela,

la contatto per sapere cosa pensa di un episodio successo al mio bambino di 5 anni ieri sera.

Era seduto davanti alla televisione quando ad un certo punto ha detto di non vedere più niente, solo buio, si è sfregato gli occhi spaventato e quando li ha riaperti ha visto le immagini dello schermo tv anche nella zona sottostante, proiettate sul armadietto porta televisione.

È il primo episodio del genere. Nel momento in cui ha visto tutto nero non stava giocando con gli occhi toccandoli o sfregandoli perché aveva le mani in bocca. Di cosa si può trattare secondo lei?

Grazie in anticipo

Simona

Questo quesito va posto ad un oculista. Problema vascolare transitorio tipo amaurosi fugace, cioè trombosi di un piccolo vaso sanguigno della retina? In questo caso il bambino andrebbe adeguatamente studiato anche dal punto di vista immunologico perché alcune malattie autoimmuni possono provocare queste microtrombosi.

Oppure piccolo problema neurologico in seguito ad una iperstimolazione luminosa dovuta allo schermo televisivo? Brusco sbalzo pressorio? Insomma, parlandone ovviamente con il tuo pediatra, io ti consiglio una visita approfondita oculistica con campo visivo e fondo dell’occhio, ecc., una visita anche neurologica, magari, se vogliamo proprio essere perfettini, con elettroencefalogramma, il controllo della pressione arteriosa prolungato nelle 24 ore (holter) e un controllo ecografico dei vasi sanguigni sovraortici.

Ma ovviamente non tutto insieme ma per esclusione. Visita oculistica per prima cosa, poi, eventualmente, visita neurologica poi anche gli altri accertamenti se il tuo pediatra o gli specialisti interpellati lo riterranno opportuno.

Ma ti dico questo per amore di precisione e per scrupolo: non devi preoccuparti, anche se si fosse trattato di un episodio di amaurosi fugace non è nulla di grave. Comunque è meglio esserne certi ed escludere altre ipotesi.

Un caro saluto, Daniela

 

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone