Anemia e celiachia


 

Buongiorno dottoressa,

le scrivevo per avere un suo parere sul risultato delle analisi di mio figlio di 31 mesi:

Anti translutaminasi IgA = 1.7 (fino a 10)

Anti translutaminasi IgG = 13.3 (fino a 10)

Zinco = 65 (da 73 a 127)

Calcemia = 9.4 (da 8.5 a 10.1)

uricoemia = 2.9 (da 3.5 a 7.2)

Globuli bianchi = 7.1 ( da 4 a 10.2)

Globuli rossi = 4.14 (da 4.5 a 6.1)

Emoglobina = 10.8 (da 14 a 18)

MCV = 75.7 (da 80 a 97)

Linfociti = 54.4 (da 19 a 48)

Ematocrito = 31.3 (da 40 a 53)

MCH = 26.1 ( da 27 a 34)

 

Secondo lei è celiaco? È anemico? È intollerante a qualcosa? Soffre spesso di otiti e broncospasmo, è molto selettivo nel cibo e pur essendo magrolino ha spesso l’addome gonfio.

Grazie mille

Tania

 

Per la diagnosi di celiachia il dosaggio degli anticorpi o immunoglobuline antitransglutaminasi sono significativi e tra le due classi di immunoglobuline IgA e IgG, le più significative e specifiche sono le IgA.

Nel tuo bimbo queste IgA specifiche sono negative, ma nello stesso tempo sappiamo che molti bambini sotto ai 5 anni possono avere una carenza transitoria di IgA fisiologica, quindi l’interpretazione di un valore negativo di IgA specifiche anti tranglutaminasi in un bambino di circa 3 anni non si può fare se non si conosce il valore delle sue IgA totali. Se le IgA totali del bimbo fossero nella norma, ci si potrebbe fidare del valore negativo delle IgA specifiche antitransglutaminasi e, per sicurezza, ci si potrebbe limitare a ripetere il dosaggio delle IgG antitransglutaminasi che in questo momento risultano lievemente alterate (in modo, comunque, ben poco significativo), fra alcuni mesi senza fare nient’altro, pensando che la celiachia sia una ipotesi da scartare o molto remota.

Se, invece, il bimbo avesse una carenza, anche transitoria e legata all’età, di IgA, questo valore negativo delle IgA specifiche antitranglutaminasi, unito ad una lieve alterazione delle IgG specifiche non dovrebbe rassicurare più di tanto. Pertanto, in caso di carenza di IgA totali, di negatività di IgA specifiche anti tranglutaminasi e lieve positività di IgG specifiche, oltre al consiglio di ripetere le analisi dopo alcuni mesi, io consiglierei di dosare anche gli altri anticorpi specifici ed indicativi di celiachia, antigliadina e antiendomisio, EMA e AGA perché, per prudenza, non me la sentirei di escludere del tutto la celiachia.

Per quanto riguarda i valori dell’emocromo: penso soltanto ad una modesta carenza di ferro, però anche questa va quantificata con il dosaggio della sideremia, transferrinemia, ferritina ecc. L’anemia da carenza di ferro può essere correlata alla celiachia ma attorno ai tre anni di vita è comunque piuttosto comune. Una volta accertata la carenza di ferro e quantificata la sua entità, si può iniziare una terapia marziale, sempre tenendo a mente l’idea di ripetere le analisi per celiachia fra alcuni mesi.

La presenza di otiti frequenti ed episodi di broncospasmo farebbe pensare ad una tendenza allergica del bimbo, però nessuna delle analisi che mi hai riportato ne da la prova.

Un caro saluto, Daniela

 

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone