Allergia agli acari e latte di riso


Carissima dottoressa,

sono la mamma dei 3 meschietti che le ha scritto un po’ di tempo fa. Ora ho un problema col secondogenito. Dal primo anno di vita fino ai 4 anni ha usato il latte di riso perché il betalactotest era fortemente positivo, compresi igg, ige, igm e compagnia e forte dermatite. Sembrava stare meglio e abbiamo reintrodotto il latte vaccino, nonostante la dermatite persistente.

Ora ha 7 anni, è tragicamente positivo agli acari, poli allergico, con frequenti attacchi di tosse. Ha lamentato da un po’ la risalita del vomito in gola ma non c’è verso di convincerlo a farsi la ph metria. Ora lamenta del mal di pancia e ha le feci molliccie. La pediatra non ha voluto rifare la beta ma mi ha detto di eliminare il latte e vedere. Ora io non ricordo la marca usata,l ei mi può essere d’aiuto? E il reflusso può essere causato dal latte?

La pediatra ha anche detto che ha una crescita lenta. Oggi pesava 21 kg (pesato vestito e dopo aver fatto colazione) ed è alto 123cm. Io noto che gli abiti sono sempre più piccoli rispetto alla sua età, ma mi preoccupa di più il suo pallore e gli occhi sempre cerchiati di blu tanto da far paura ed è nervoso con facilità al pianto. Non è anemico però.

Sto impazzendo, non so che fare né che pansare. Vorrei solo vederlo stare meglio. La prego mi risponda quanto prima e se possibile mi dia il nome di un latte di riso buono per la sua età, magari arricchito di calcio e vitamine.
La ringrazio veramente di cuore.
Patrizia

Pallore e occhi alonati, così come il nervosismo, sono caratteristici di tutti i bambini allergici, specialmente se soffrono di allergie respiratorie croniche e se sono in fase acuta, quindi il tuo bimbo sarà destinato ad avere le occhiaie finché non avrà superato la sua allergia oppure fintanto che resterà molte ore chiuso in ambienti  con presenza dei famigerati acari ai quali è allergico ed esse non dipendono da altra patologia da ricercare. Per quanto riguarda il latte di riso: ne esistono varie marche. Arricchito con vitamine e calcio vi è il Vitariz, ma anche senza calcio e vitamine aggiunte vi è il latte di riso Scotti così come esistono latti di quasi tutti i cereali tipo soia, avena, kamut e via discorrendo. Se vuoi puoi utilizzare un latte non arricchito facendo assumere al bambino calcio e vitamine a parte.

Il latte di riso si può anche preparare a casa facendo bollire 100 gr di riso precedentemente lavato sotto l’acqua corrente, meglio se riso integrale, in un litro di acqua a fuoco molto basso per almeno due ore. Dopo si filtra la pappetta bianca che rimane dopo tanta bollitura con un colino e se è troppo densa e di conseguenza passa con difficoltà attraverso le maglie del colino, si aggiunge acqua bollita dolcificata con zucchero, meglio se di canna, o sciroppo d’acero. In questo caso il liquido ottenuto andrà di nuovo bollito per circa una mezz’oretta o giù di lì. Una volta raffreddata è una buona bevanda e anche molto economica. Su internet puoi trovare molte ricette su come fare in casa il latte di riso.

Ricorda, comunque, che un bambino di 7 anni può tranquillamente vivere senza assumere latte: basta che la sua alimentazione sia opportunamente arricchita con parmigiano, meno allergizzante del latte, sempre che sia ben tollerato e che integri le proteine non assunte con il latte aumentando un po’ la quantità di carne, pesce, legumi, ecc. Per quanto riguarda la sua crescita: l’altezza va bene mentre il peso è un po’ scarso, dovrebe pesare due o tre chili in più, però non vedo grossi motivi di preoccupazione visto che anche il peso si colloca su un percentile non patologico anche se basso.

Introducilo allo sport in modo che sviluppi massa muscolare e vedrai che la situazione migliorerà attorno alla pubertà o comunque fra due o tre anni. Ora il bimbo si trova nella fase magra del suo sviluppo: è un periodo quello comprerso tra i sei e i dieci anni di crescita soprattutto in altezza e non in peso e a questa età sono relativamente magri anche i bambini che in seguito tenderanno ad essere in sovrappeso.

Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone