Allattare oltre l’anno d’età



Buongiorno dottoressa,

sono da poco iscritta al sito e leggo com molto interesse le rispostealle varie domande delle utenti…sono molto contenta di trovare una persona disponibile a risolvere dubbi e incertezze di noi mamme.

Mi presento sono Katiuscia, mamma di Emanuele che ora ha 13mesi il mio quesito è questo "posso dargli ancora il latte materno se il bambino lo desidera?"

Perché abbiamo provato io e mio marito a dargli il latte che ha consigliato la pediatra, nestle mio, ma non ne vuole sapere di mangiarlo.

Si può allattare il bimbo dopo un anno di età senza avere la paura cheil mio latte possa non bastare più? Io premetto che di latte ne ho ancora ma non so se arrivata a queto punto ad Ema possa
bastare.

Premetto che il mio cucciolo è tetta dipendente perchè molte volte la notte si sveglia e mi cerca e mi"usa come ciuccio"e per questo che ho paura, non è che poi non ne ha abbastanza per la colazione? Il bimbo sta bene pesa 9200kg lo svezzamento procede bene mangia un po’ di tutto.. carne frutta pastina minestrina sughini….ma il mio dubbio rimane il latte.

Come posso fare? Posso continuare con il latte materno senza avere dubbi?

Grazie in anticipo e scusi per questa insicurezza.

Katiuscia

L’Organizzazione Mondiale della Sanità vuole che le mamme allattino finoal secondo anno di vita del loro bambino se non oltre. Non è un’ordine ma lo consiglia fortemente in quanto, quando ancora presente, il latte materno è fonte di difese immunitarie e di nutrienti preziosi per la crescita ottimale del bambino.

Pertanto, niente dubbi e continua così finché vuoi e finché hai la fortuna di avere latte. Quando non sarà più sufficiente il bimbo stesso te lo farà capire disinteressandosi gradualmente al seno. Ma per ora continua pure a sfruttare questa fortuna che hai e non ti curare di chi ti consiglia diversamente.

Il latte materno, quando c’è, è sempre buono, utile e gratificante e le mamme devono imarare a credere di più in se stesse e meno nei consigli di estranei o nella pubblicità.

Un controllo regolare della crescita delbimbo, non ossessivo ma, diciamo, ogni due o tre mesi, sarà più che sufficiente per capire se il piccolo si sta alimentando a sufficienza o meno e se anche il tuo latte nei prossimi mesi dovesse un po scarsegiarema il bimbo continuasse ad avere voglia di attaccarsi al seno e tu non fossi troppo stanca, basterà aumentare un po le due pappe della giornataper pareggiare i conti.

Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone