Allattamento e svezzamento a sette mesi


 

Gentile dottoressa,

Le riscrivo raggiunti i sette mesi di Federico.

Ad oggi, come Lei mi ha consigliato, lo allatto quattro volte al dì con una sola pappa giornaliera a base di brodo vegetale, due cucchiai di pastina o semolino, un liolifizzato, olio e formaggio. Fino ad ora il momento della pappa era una semi tragedia mentre le quattro poppate giornaliere della mattina, metà mattina, pomeriggio e ore 21 al momento di coricarsi, andavano molto bene.

È una settimana tuttavia che Federico prende il latte al mattino e alla sera al solito orario per addormentarsi, mentre le altre due poppate le rifiuta, addirittura il pomeriggio solo che lo metto in posizione di allattamento strilla e piange come se qualcuno lo torturasse. Di contro il momento della pappa è molto più ben voluto rispetto a qualche giorno fa.

A tal riguardo cosa mi consiglia? Lascio perdere ed integro con altro, e con cosa? Ad esempio a metà mattina con yogurt e pomeriggio, ore 18, con pappa pomeridiana, ma a base di che (il pediatra di Fede consiglia o frullato di stagione o passato di verdure, ma non è un po’ pochino come seconda pappa?)? Io preferirei lasciare, se il bimbo è d’accordo, la poppata delle ore 21 perché subito dopo aver preso il latte lui si addormenta, o quasi subito.

Se così dovessi fare, mi chiedo che fine faccio fare al mio latte? Nel senso che avendo il seno gonfio lo devo tirare e buttare? Mi piange il cuore, ma del resto non riesco a tirare dalla mattina fino alla sera, cosa può consigliarmi?

Chiedo i suoi preziosi consigli perché il pediatra di Federico mi risponde sempre in modo frettoloso e mai in modo da considerare ciò che gli espongo. Grazie come sempre e cari saluti, Cinzia

Dopo un mese dalla introduzione della prima pappa a base di brodo vegetale, omogeneizzato di carne, farine precotte, ecc., si può introdurre la seconda pappa verso le 19, simile alla prima, ma con formaggino ipolipidico o ricotta al posto della carne.

Rimarrebbero altri tre pasti, mattina, pomeriggio e dopo cena, per il seno materno, più frutta sia a metà mattina che, volendo, di pomeriggio, dopo una mezz’oretta dalla fine della poppata al seno (facoltativa la frutta pomeridiana).

Se il bimbo non vuole più attaccarsi al seno tre volte puoi, come stai facendo, tirarti il latte quando il seno diventa troppo gonfio. Però se al piccolo basta ancora il tuo latte come cena, posticiperai la seconda pappa fra un altro mese, così potrai attaccare al seno il piccolo sempre tre volte al giorno, il minimo per non perdere il latte, mattina, pomeriggio e all’ora di cena.

Se il bimbo non volesse il tuo latte a merenda, darai frutta soltanto e lascerai il tuo latte mattina, metà mattina e all’ora di cena. Insomma, almeno tre volte al giorno perché si mantenga ancora, visto che ne hai molto, ma dato nelle ore che il bimbo preferisce.

La seconda pappa, o si da completa o non serve introdurla adesso se vuoi continuare a sfruttare il tuo latte e se il bimbo continua a crescere bene senza segni di anemia da carenza di ferro.

Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone

Lascia un commento