Aerofagia e coliche gassose

0
123
Gentilissima Dottoressa,
mi permetto disturbare per sottoporLe il caso della mia bambina di 22 mesi.
Da una settimana circa presenta inconsueto nervosismo e irrequietezza (specie la sera e nelle prime ore del mattino) che disturbano il suo riposo. Mi pare che la situazione sia riconducibile al disagio dovuto a dolore alla pancia che al tatto "gorgoglia" vistosamente. Sembra aver sollievo e tranquillizzarsi solo quando riesce a liberare l’aria. L’emissione delle feci è nella norma e l’alimentazione non ha subito particolari cambiamenti.
Per ora ho solo provato a somministrare gocce di Pediacolin.
Resto in attesa di Sua cortese risposta.
Cordiali saluti
Cristina

Cara Cristina,
a 22 mesi le coliche, se di coliche si tratta, non sono più "fisiologiche": dovresti capire se c’è qualcosa di sbagliato nella sua alimentazione, cosa mangia all’asilo, se lo frequenta, che a casa non mangiava (cavoli, molti legumi o altro), se ha assunto antibiotici per bocca negli ultimi tempi che hanno modificato la flora batterica intestinale, se ha avuto qualche forma virale riconducibile a influenza o sindrome parainfluenzale (anche i virus, colonizzando l’intestino, possono procurare alterazione della sua funzionalità), se beve troppo latte durante la giornata o prima di andare a letto che, sommato al resto della sua alimentazione, ormai varia e sufficientemente ricca, può risultare in eccesso, se ha l’abitudine di succhiare a lungo o di bere molta camomilla o altre tisane troppo dolcificate, oppure se ha il ciuccio ed esso viene intinto spesso nel miele per consolarla quando piange, visto che è tempo di eruzione di alcuni denti, e via discorrendo… Cerco di pensarle tutte.
Aggiungi fermenti lattici al Pediacolin ed eventualmente, oltre a regolare l’alimentazione se ce ne fosse bisogno, puoi sostituire il Pediacolin con il Mylicon, se il primo non facesse effetto, dato però prima dei pasti – almeno 15 minuti prima – tre volte al giorno e in quantità inferiore rispetto a quanto prescritto sul foglietto illustrativo.
Un caro saluto,
Daniela
Vota questo articolo