A quattro anni e mezzo fa la pipì solo nel pannolino


 

Salve,

sono la mamma di una bimba di quattro anni e mezzo che non riesce a far pipì se non nel pannolino.

Ha il controllo degli stimoli (anche di notte) ma non riesce a lasciarsi andare quando è sul vasino o sul wc (con il riduttore).

Si siede,ci rimane anche un bel po’, ma se si accorge che sta per scendere, si blocca è va in tilt. Urla, piange dicendo che "non posso" oppure "non sono capace" o ancora "ho paura". Abbiamo provato a lasciar perdere l’argomento per qualche settimana (proibendo ad amici e parenti di nominare la parola pannolino in sua presenza) ma quando i trattava di ricominciare (con il suo accordo) niente da fare di nuovo.

Ora è subentrato pure un problemino: la cistite. Dice il pediatra che probabilmente non si può escludere una "colpa" del pannolino. Per fare l’esame delle urine abbiamo dovuto applicarle il sacchettino, ma lei naturalmente non l’ha fatta. Dopo un’ora di sala d’aspetto mi è venuto in mente di provare a metterle un pannolino sopra questo sacchetto, infatti 20 secondi dopo ha urinato.

Ieri è rimasta tutto il pomeriggio senza pannolino e dopo l’ennesimo "ti scappa la pipì?" mi ha detto di si. Allora vasino, niente,vasino con la musichetta, niente, riduttore, niente. Poi ha dato in escandescenza dicendo che non è capace, che non sa come si fa e che non riesce "a farla scendere". Sapendo comunque che erano diverse ore che non urinava e che soffre di questa cistite le ho proposto (cedendo) di farla nel pannolino e si rifiutava pure quello (se no mi viene ancora la cisite). Insomma dopo un ora e mezza siamo riusciti a convincerla a far pipì nel pannolino.

Oggi la situazione è la solita, porta il pannolino come se niente fosse accaduto.

Abbiamo provato con la promessa di premi (cose che lei desidera davvero tanto) ma piuttosto ci rinuncia, abbiamo provato con l’omeopatia, ma niente da fare.

Ora mi hanno parlato della terapia cranio sacrale ma non so bene a cosa vado incontro.

Il problema è anche di natura "logistica", lei è grande (110 cm 26 kg) e i pannolini sono piccoli ma non demorde, anzi.

Mi scuso per essermi dilungata, ma è un problema del quale non vedo l’ora di trovare soluzione, più per lei che per me naturalmente.

La ringrazio anticipatamente e cordialmente la saluto

La bimba dovrà assolutamente stare senza pannolino e quando sentirà lo stimolo ad urinare dovrà avvertire in modo da essere accompagnata nel luogo idoneo, cioè il bagno, tazza o vasino non importa purché sia il bagno e solo a quel punto le verrà messo un pannolino, lento, largo ma comunque aderente in modo che la bimba si senta contenuta. La bimba farà pipì come vuole lei, cioè nel pannolino, ma senza avere il pannolino sempre addosso.

Sarà un patto che farai con lei molto chiaramente, senza assillarla con domande informandoti sempre se la deve fare o altro, ma lasciandola libera di comportarsi come vuole rigorosamente senza pannolino. Stabilirai, quindi, con lei che le metterai il pannolino quando lei avvertirà di sentire lo stimolo ma solo se si recherà in bagno e se si siederà nel posto giusto. Il pannolino, poi, verrà tolto, la bimba verrà adeguatamente pulita e sarà lei stessa ad imparare a buttarlo via nel posto giusto. Se questo sistema avrà funzionato potrai continuarlo per un po’ di tempo fintanto che la piccola non si sarà rasserenata e avrà riacquistato fiducia in sé stessa e in te senza paura di essere assillata o pressata.

Solo allora potrai cominciare ad appoggiare solamente il pannolino tra la bimba e il vasino o il wc ma senza fissarlo con l’adesivo, cioè a piatto. La bimba avrà fiducia che non le verrà sottratto e forse riuscirà a farla ugualmente con questo sistema. Magari, per iniziare, potrai far finta che quel pannolino sia difettoso e non funzionino gli adesivi o altra scusa qualsiasi che non dimostri, però, la tua intenzione di pressarla troppo per toglierlo.

Dopo un altro po’ di tempo, inventerai, magari, la scusa che ti sei dimenticata di comprare i pannolini e che sono finiti e al posto dei pannolini, per esempio, potresti provare a farle indossare un paio di mutandine molto belle alle quali la bimba tiene in modo particolare: forse, così facendo, pur di non sporcarle, imparerà a fare a meno di tutto e a fare pipì nel modo corretto. Durante tutto questo periodo, come ho detto, non pressare troppo la piccola ma lasciala pure da sola sul suo vasino in modo che si possa concentrare sulla funzione dei suoi sfinteri.

Quando accetterà di fare pipì con il pannolino senza adesivo, cioè a piatto sul vasino o sul wc, prova a concentrare la sua attenzione sul getto di pipì facendoglielo guardare mentre la emette e, sempre senza assillarla, prova ad insegnarle a trattenere e lasciare andate la pipì alternativamente come una sorta di ginnastica vescicale.

A 4 anni è una funzione che può essere capita ma che, nel caso della tua bimba, potrebbe anche disturbare, quindi lo accenno soltanto ma non sono sicura che sia opportuno insegnargliela. Come al solito, nessuna tragedia in caso di insuccesso e incoraggiamenti in caso di successo. Se, così facendo, noti, però, che la bimba tende a rifiutare il controllo sfinterico per attirare l’attenzione o per capriccio o per dispetto, sarebbe opportuno adottare misure più determinate e un atteggiamento più drastico con qualche sgridata e tassativa eliminazione del pannolino.

Ma come sempre, nell’educazione di un figlio, prima bisogna dare opportunità e pazienza e solo dopo si può pretendere obbedienza.

Un caro saluto, Daniela

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone