Scarsa crescita: quali analisi?

da . 2 febbraio 2010

Buongiorno Dottoressa,

Le chiederei gentilmente un consiglio sulla crescita del mio bimbo.
Le premetto che è nato a 38 settimane con peso di 2,950 Kg e lungo 47 cm.

Ha avuto sempre una scarsa crescita ed a oggi, che ha tre anni, pesa appena 11 Kg ed è alto 84 cm.; abbiamo già effettuato gli esami per la Transglutaminasi Iga ed Anticorpi Antiendomisio, i quali sono risultati negativi. Premetto che il bimbo non è un mangione e capirei il peso, ma non l’altezza. Mi consiglia degli esami da effettuare?

Indico alcune misurazioni del bimbo:
- peso alla nascita 2,950 Kg, lungh. 47 cm, circ. cranica 33,5 cm
- a 10 gg peso 3,01 Kg, lungh. 47 cm, cc 34,2 cm
- a 6 mesi 6,55 kg, lungh. 62 cm, cc 41,5 cm
- a 12 mesi 8,10 kg, lungh. 69,5 cm, cc 45 cm
- a 17 mesi 9,00 kg, lungh. 73 cm, cc 46,4 cm
- a 25 mesi 9,55 kg, lungh. 79 cm, cc 47 cm
(peso calato a causa di febbre elevata, catarro per tre mesi, ovviamente la febbre andava e veniva con infezione alte vie aeree e due otiti).

La misurazione dei due anni è stata l’ultima effettuata dal pediatra, avendo escluso celiachia, inoltre a 6 mesi il bimbo ha effettuato un esame citogenetico, perché alla nascita, al momento delle dimissioni, il pediatra dell’ospedale aveva un dubbio sulla sindrome di down, in quanto il bimbo presentava lieve dismorfismo facciale, entrambe le mani con un solco (linea traversale) ed occhi grandi.

Nell’esito di tale esame, effettuato da medico specialistico nel settore, cariotipo 46,XY, non vengono segnalate nel cariotipo le varianti normali così come sono descritte nell’ISCN 2005. Osservazioni: assenza di evidenti aberrazioni cromosomiche.

La dottoressa ha, inoltre, precisato che il lieve dismorfismo facciale era verosimilmente dovuto a schiacciamento in utero; il solco ha verificato che anche il padre ne presenta uno nella mano, e per gli occhi grandi la mamma ha degli occhi grandi, e che al momento non suggerisce nessun esame specifico.

Dopo tutte queste "torture psichiche" il bambino aveva anche una scarsa crescita, creando un enorme preoccupazione da parte dei genitori e soprattutto della sottoscritta neo- mamma.

Premetto che il bambino non ha mai avuto problemi, parla e gioca tranquillamente.

È nato con una ernia ombelicale, che tutt’oggi non è rientrata!

Ogni tanto lamenta dolori al pancino (abbiamo notato che si irrigidiscono i tessuti addominali e passa da solo senza assunzione di farmaci).

Ultime misure, quelle dei genitori:
- padre alto 1,80 m e pesa 75 kg
- madre alta 1,68 m e peso attuale 80 kg (preciso attuale perché esco dal secondo parto, peso prima 70 kg).

La ringrazio moltissimo anticipatamente per l’attenzione che mi ha dedicato.
Buon lavoro

Oltre alle analisi per la celiachia, ha pensato a quelle per allergia alle proteine del latte vaccino? Come crescevate voi genitori alla stessa età del piccolo? Il tuo pediatra ha pensato a prescrivere una età ossea per valutare la possibilità che il bimbo cresca poco in quanto "lento maturatore". Basterebbe che la sua età ossea fosse in ritardo di 4 o 6 mesi rispetto all’età reale del bambino per non preoccuparsi più. Per quanto riguarda le IgA specifiche relative alla celiachia: fino a tre anni il bambino potrebbe avere una generica carenza di immunoglobuline A con conseguenti analisi specifiche falsamente negative. L’analisi andrebbe quindi ripetuta fra alcuni mesi per sicurezza. La linea palmare unica non è indicativa di sindrome di Down in quanto frequentissima anche tra le persone normali: la possiede un mio collega primario ospedaliero!

Insomma, la scarsa crescita staturo ponderale merita di non essere trascurata, però, senza visitare il bimbo e senza altre informazioni non mi è possibile azzardare ipotesi. Ti posso consigliare soltanto di seguire il problema nei prossimi mesi, magari con l’ausilio di alcune altre analisi.

Un caro saluto, Daniela

 


Devi fare il log-in per postare un commento Login

Lascia una risposta