I segnali del parto imminente

da .
I segnali del parto imminente 5.00/5 (100.00%) 1 vote

                                      Partoimminente.jpg                            

Ogni mamma in attesa, giunta alla ultime settimane della gravidanza, comincia a domandarsi quali sono i segnali dai quali è possibile capire che il parto si sta avvicinando e che a breve inizierà il travaglio.

Il periodo che precede il travaglio è chiamato periodo prodromico e ha una durata molto variabile, da poche ore a diversi giorni.

Caratteristici di questo periodo sono una serie di segnali (segni prodromici) che indicano il verificarsi di cambiamenti preparatori al parto.

 

Vediamo quali sono:
 
 

 

  • Aumento delle contrazioni di Braxton-Hicks: si tratta di contrazioni non dolorose (o quasi indolori) che possono essere avvertite anche nei mesi precedenti e che nell’ultimo periodo si possono intensificare e presentare con regolarità (ogni 30 minuti). Sono utili per iniziare le trasformazioni del collo dell’utero che inizia ad appianarsi.
  • Perdita del tappo mucoso: il tappo è costituito dal muco che chiude il collo dell’utero isolando l’ambiente uterino da quello esterno. Viene perso quando l’utero inizia a modificarsi e si può riconoscere dalla consistenza gelatinosa (più densa rispetto alle perdite che si hanno normalmente in gravidanza) e dal fatto che spesso è striato di rosa o rosso (per un piccolo sanguinamento dovuto alla rottura di capillari). 
  • Doloretti similmestruali, talvolta anche nella parte bassa della schiena. 
  • Pancia che si abbassa e sensazione di peso verso il basso, dovuta alla discesa della testa del bambino.


Attenzione: la comparsa di segni prodromici non indica l’inizio del travaglio e non deve allarmare. Sono segnali normalissimi di una gravidanza che sta giungendo al termine e non è necessario correre in ospedale finché non inizia il travaglio vero e proprio.

È importante ricordare che ogni gravidanza è diversa dall’altra e c’è molta soggettività nel modo in cui ognuno di questi segnali può presentarsi (la perdita del tappo mucoso può, ad esempio, precedere il parto di parecchi giorni, anche di due settimane, oppure presentarsi solo immediatamente prima del travaglio).
Nel mio caso, ad esempio, in occasione del primo parto non ho avvertito contrazioni preparatorie, ho avuto doloretti similmestruali il giorno precedente e la perdita del tappo mucoso la mattina stessa del giorno in cui ho partorito. In occasione del secondo parto, invece, ho avvertito doloretti 3-4 giorni prima del parto e sono incerta sul momento della perdita del tappo mucoso perché ho avuto una perdita di muco non striato di sangue diversi giorni prima del parto e di muco striato quando il travaglio era già iniziato.
Quindi non solo c’è una soggettività nel manifestarsi dei segnali prodromici, ma anche nella stessa persona possono presentarsi con caratteristiche differenti.

È impossibile fare previsioni precise anche quando si manifestano, ma è importante conoscerli e conoscerne il significato per restare tranquille ed essere consapevoli di quello che ci sta succedendo.

Gli ultimi articoli di Redazione NoiMamme (Vedi tutti)

I segnali del parto imminente ultima modifica: 2007-11-16T10:53:04+00:00 da Redazione NoiMamme

Devi fare il log-in per postare un commento Login

Lascia una risposta

Oppure