Il tempo dell’innocenza


Scena: hai un appuntamento. Hai i minuti contati. Il pargolo cazzeggia nella scelta delle mutande. Opta per quelle con i pesciolini, no… preferisco i coniglietti, mamma (quando già gli hai infilato la prima gamba). Va beh, se dev'esser coniglietto, coniglietto sia!
Lotti con i jeans, le bretelle, la maglietta.
Il ticchettio dell'orologio ti avverte che sei in lieve ritardo.
(variante bimammica: borsa di marypoppins con cambio completo, pargolo2 naturalmente fa la cacca all'ultimo secondo, il tempo di cambiarlo e devi prendere per un orecchio pargolo1 che si attarda con le macchinine sparse in salotto. Tipo slalom, eviti queste ultime – forse; o forse rischi il carpiato a testa in giù scivolando sopra ad una mini minor – scendi nel box con passeggino e pargolo2 urlante, pargolo1, frattanto, vorrebbe spingere il passeggino col fratello contro il muro… altri secondi preziosi per impedirlo).

In clamoroso ritardo raggiungi l'auto all'ora in cui avresti dovuto essere all'appuntamento.
Il bimbo scorge una formica nei box. Ne segue il percorso, affascinato.
Per sperare di arrivare in un ritardo almeno civile, lo acchiappi per la collottola e lo schiaffi sul seggiolino, resistendo alle sue preghiere/ai suoi tentativi di pilota/meccanico/acrobata per sedere al volante, aggiustare il motore, catapultarsi nel bagagliaio.
Morale, FORSE, e sottolineo forse, con mezz'ora di ritardo arrivi dove dovevi andare.
Nervosa.
Già stanca.
E la cosa più inquietante è… magari aveva ragione lui. Seguendo quella formica per tutti gli istanti che servono, non sbrigando commissioni, si trova il senso della vita…

Il mio tempo incatenato all'orologio.
Il suo tempo che va dove lo porta il cuore.
Il mio tempo dritto alla meta.
Il suo tempo dove l'importante non è la destinazione, ma il viaggio.

Sì, aveva ragione lui, decisamente.
Vorrei avere più spesso, se non il tempo di alessandro, l'opportunità e la pazienza di seguirlo, e non farmi seguire.
Purtroppo, a mancare è quasi sempre l'opportunità, non la pazienza.

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone