Galline in fuga


 Premetto che le galline io le odio (sono così stupide), ma trovo che il loro brodo sia la cosa più gustosa del mondo… ormai da qualche mese abbiamo quattro galline: Marina, Sabrina, Romina e Chiarina!

Tutto è cominciato quando tre mesi fa sono stata da mia madre in Sardegna… Per mia madre le galline sono come le espadrillas, ogni tot di anni tornano di moda: quest’anno ne ha comprato una trentina (di galline dico, non di espadrillas) e le ha messe a razzolare nel cortile di casa di mia nonna; quando io ero piccola e mia nonna era giovane e vispa quel cortile arrivava a contenere almeno 200 pezzi di pollame di vario genere tra galline, oche, tacchini e anatre…

Che bei tempi… conservo ancora il ricordo nitido delle gambe di mia nonna tutte beccate! Il divertimento principale di Beatrice in quei giorni è stato andare a dare da mangiare a queste galline. Quando l’ho raccontato a mio marito lui mi ha chiesto il permesso di comprarne due (poi in realtà sono diventate quattro), poverino erano anni che esprimeva il desiderio di avere le galline in casa (si vede che io non gli basto più, sigh!) e io non avevo mai acconsentito… Ma sarà che in quei giorni che io stavo da mia madre me l’immaginavo qui solo soletto, ho pensato che delle galline in mia assenza forse gli potevano tenere un po’ di compagnia e quindi gli ho dato l’ok!

Insomma, per farla breve, abbiamo queste quattro galline che tutti i giorni ci fanno le uova… Solo che a me le loro uova non mi bastano più, io voglio la loro carne!
Ma l’idea di ammazzarle un po’ mi rattrista e ancora di più mi spaventa l’idea di doverlo fare io (il suddetto marito non ne vuole proprio sapere)… Per quanto io le trovi stupide, non ho mai ammazzato un animale, come si fa a farlo? E poi così, a sangue freddo… insomma io il coraggio non ce l’ho proprio!

Due notti fa ho sognato una vecchia tutta vestita di scuro con un fazzoletto sulla testa che se ne sta seduta su una sedia in una stanza buia buia. Ho sognato che io mi avvicinavo a lei: quando le ero di fronte lei sollevava la testa e scoprivo che non aveva la faccia, era senza occhi, naso, bocca. La vecchia mi dice AMMAZZALA! Da sotto il grembiule tira fuori una gallina, le tira il collo con grande naturalezza e me la dà! A quel punto mi sogno seduta su un vecchio tavolo che mangio la gallina (già cotta!) con le mani… Ho raccontato il sogno a mia madre e siamo giunte alla conclusione che si trattava di mia bisnonna Bonifacia, che siccome non si è mai fatta fotografare non sappiamo che faccia avesse (ecco perchè me la sogno senza lineamenti…). Insomma questa bisnonna si è presa il disturbo di apparirmi in sogno per ordinarmi di uccidere la gallina, ma vi rendete conto? E io che devo fare? Sono davvero combattuta!

Conoscete qualche metodo soft per ammazzare le galline? Non consigliatemi il metodo Teresa (lasciarle morire di fame) perché si sa che il brodo è dato da una gallina in carne, voi berreste il brodo di una gallina anoressica? Maiiiiii!
Neanche il metodo usato da mia mamma va bene, troppo cruento: infilza il collo delle poverelle con un coltellaccio e poi le lascia lì a scolare per un intero pomeriggio appese a un albero… Certo fa contenti i gatti del circondario che arrivano a frotte anche in corriera dai paesi vicini… il cortile di casa mia si riempie di gatti più del pellegrinaggio alla Mecca…

Stavo pensando di impiccarle…

Oppure potrei soffocarle col gas… ma che stress ho il forno elettrico però…

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone