L’inizio – Mirko


testgravidanzapositivo.jpgEccomi qua…
Beh… che ti devo dire? C’hai messo il tuo tempo ad arrivare, eh? Hai preso da tuo padre in questo. Ho sempre detto io che i figli non aspettano e si fanno aspettare, e tu non hai fatto eccezione, orgoglio di papà.
Hai portato tua madre sull’orlo della disperazione, convincendola che io avessi dei problemi e lei avesse dei problemi e tutto il mondo avesse qualcosa contro il tuo concepimento e poi, quando ha abbassato la guardia… ZAC! Che figata.
Altro che esami e prelievi del sangue! Un paio di fine settimana rilassati, un po’ di vizi e… beh… la parte tecnica te la risparmio… forse è meglio.
Tua madre ti ha raccontato di quello che è successo quando abbiamo scoperto che c’eri. Io voglio raccontarti una cosa che è successa prima.
Un incontro un po’ particolare, di quando siamo andati a Cork a ricaricare le pile e rilassarci.
Stavamo tornando in albergo quando siamo stati fermati da un vecchio ubriacone. Non di quelli fastidiosi, ma un vecchietto di quelli che magari sono o sono stati professori universitari e poi, come per magia, basta una pinta e acquistano il physique du rôle del clochard.
Questo vecchietto, di cui non ci ricordiamo il nome, ci ha fermato, ci ha preso le mani e… ci ha benedetto.
Era cotto forte questo vecchietto perché ha chiamato me San Francesco e tua madre Santa Chiara (si vede che non ci conosceva proprio… specialmente tua madre) e poi ci ha unito le mani e ci ha ripetuto almeno dieci volte "bambino, bambino".
Insomma… il tuo concepimento è stato benedetto e previsto da un vecchio ubriacone di Cork. "Fair enough", come dicono gli inglesi. Cosa vuoi pretendere di più? Si vede che gli angeli erano tutti impegnati.
Beh… cos’altro?
Ah sì. Come mi sento… Lo vuoi proprio sapere?
Non lo so. Se devo essere sincero non lo so. So che la mia vita è finalmente arrivata a un traguardo. Traguardo, siamo seri… è da adesso che si inizierà a ridere sul serio.
Sono un po’ spaventato? Forse. Più che altro sono sereno e contento perché, comunque vada, sarà un successo.

Ti è piaciuto? Condividilo!Share on FacebookShare on Google+Tweet about this on TwitterEmail this to someone